Prostatite: Sintomi, Cause e Cura

Prostatite: Sintomi, Cause e Cura

Prostatite: Sintomi, Cause e Cura – Con il termine prostatite indichiamo una malattia della ghiandola prostatica, che comporta l’infiammazione della ghiandola stessa. La prostatite, inoltre, si divide in diverse tipologie, ognuna delle quali presenta dei sintomi diversi. A volte può succedere che questa si presenti con dolori forti e acuti, ma manifestarsi anche senza alcun dolore specifico.

Ciò nonostante, qualsiasi sia la sintomatologia, ogni sintomo ha un’influenza significativa sulle condizioni di vita di un uomo che viene colpito da prostatite.

prostata infezione

Tipi di Prostatite

Come ti dicevo pocanzi, la prostatite si suddivide in diverse forme, quali:

  • prostatite cronica – si tratta di una tipologia di prostatite definita abatterica, cioè che non viene scatenata da un batterio, ma la sua causa è sconosciuta. Tuttavia, potrebbe trattarsi di una malattia derivante da un’infezione persistente, da spasmi muscolari a livello pelvico e persino da un’infiammazione;
  • prostatite infiammatoria asintomatica – si tratta di una tipologia di prostatite che non comporta sintomi, sebbene riguarda l’infiammazione della prostata. Questa tipologia viene diagnosticata quando sono presenti dei sintomi correlati alla prostatite stessa. L’infiammazione di questa tipologia, spesso, viene verificata tramite una o più biopsie a livello prostatico;
  • infiammazione della prostata – si verifica anche senza alcun tipo di sintomo. Spesso, viene riscontata a causa di dolori nella zona pelvica e a livello genitale. L’uomo, infatti, presenta difficoltà ad urinare, dolore durante la minzione e persino dolore in seguito all’eiaculazione;
  • prostatite batterica acuta – è la forma più rara, ma di facile diagnosi. Generalmente questa tipologia di prostatite, viene provocata da un’infezione batterica che colpisce la ghiandola. Inoltre, tale infezione è facilmente diagnosticabile, proprio perché presenta dei sintomi specifici;
  • prostatite batterica cronica – è piuttosto simile a quella acuta, ma presenta sintomi più lievi all’inizio e che arrecano meno problemi. Tuttavia, questa tipologia si caratterizza da infezioni regolari relative al tratto urinario. Questo tipo di prostatite, inoltre, può colpire a qualsiasi età, con maggior incidenza nei giovani e negli uomini anziani.

Cause della Prostatite

Per quanto concerne le cause della prostatite, queste non sono ancora note alla medicina. Però, ci sono diverse teorie documentate. Infatti, si ritiene che il più delle volte la prostatite sia collegata a infezioni precedenti di prostatite batterica cronica o acuta. Infezioni del genere giungono nella prostata per mezzo dell’uretra, a causa del reflusso di urina contaminata nei condotti della prostata.

Quanto alla prostatite di origine batterica, però, possiamo affermare che questa tipologia non è contagiosa e non si tratta nemmeno di una malattia sessualmente trasmissibile. In alcune condizioni, inoltre, è possibile che l’uomo possa aumentare il rischio di contrarre la prostatite di tipo batterico, soprattutto se ha utilizzato di recente un catetere, oppure se ha avuto un’infezione della vescica, oppure ancora potrebbe manifestarsi a causa di un’anomalia del tratto urinario. Per quanto riguarda la prostatite cronica, questa può essere provocata da batteri atipici come la clamidia. In questo caso, l’uomo può avvertire dolore nella zona pelvica.

Sintomi della Prostatite

Naturalmente, i sintomi della prostatite variano a seconda del tipo di malattia o di infezione da cui si viene colpiti. Il più delle volte, potrebbe trattarsi di una patologia asintomatica, ma in altri casi i sintomi sono molto simili a quelli di un’infezione del tratto urinario. Riguardo ai sintomi, però, c’è da dire che molte altre malattie possono presentare sintomi simili, e per tal motivo la prostatite potrebbe essere scambiata per un altro tipo di patologia o il contrario.

prostatite

Per tal motivo, è di fondamentale importanza rivolgersi a un medico per determinare la problematica: se si tratta o meno di prostatite e di quale tipologia. Tuttavia, non bisogna rivolgersi al medico curante nel caso in cui si avvertano dei sintomi che possano far pensare a una prostatite, ma è necessario contattare immediatamente un urologo, che grazie a specifici esami potrà diagnosticare e curare il problema.

Per quanto concerne i sintomi della prostatite, dunque, questi variano in base alla tipologia, ma nei casi gravi è possibile che si presenti febbre, brividi, bruciore e dolore durante la minzione e persino incapacità di urinare completamente. Quanto alla prostatite di origine batterica cronica, invece, la sintomatologia è uguale alle infezioni da prostatite batterica acuta. Tuttavia, in questo caso non si manifesta la febbre.

Sintomi Specifici:

  • iperattività della vescica specialmente notturna;
  • bruciore mentre si urina;
  • dolore alla vescica;
  • dolore ai testicoli;
  • dolore al perineo;
  • dolore all’atto dell’eiaculazione;
  • mal di schiena.

Ovviamente, in qualsiasi caso, la condizione si può manifestare con episodi non regolari, ma anche con picchi di dolore, che il più delle volte vengono collegati a infezioni. Il più delle volte, inoltre, la sintomatologia della prostatite cronica comprendono anche fastidio al perineo, dolore all’atto della minzione e persino dolore del pene.

Cura della Prostatite

Naturalmente, la cura della prostatite dipende solo ed esclusivamente dal tipo di infezione di cui si soffre. In caso di prostatite batterica acuta, al soggetto viene prescritta una cura a base di antibiotici da assumere per due settimane. In altri casi, però, la malattia potrebbe essere talmente invalidante da costringere il paziente al ricovero e cura a base di antibiotici per via endovenosa.

In determinati casi, inoltre, può essere necessario l’utilizzo di un catetere nel caso in cui il soggetto affetto da prostatite abbia difficoltà durante la minzione. Nel caso in cui, la cura a base di antibiotici specifici non faccia effetto, il medico interessato, somministrerà un’ulteriore terapia antibiotica.

Gli antibiotici possono essere la cura giusta anche nel caso di prostatite batterica acuta, tuttavia, non cura definitivamente il problema che potrebbe ripresentarsi nuovamente, proprio perché la causa della malattia non è stata curata dall’origine.

Quando parliamo di prostatite batterica cronica, il paziente dovrà seguire una cura prolungata a base di antibiotici. In alcuni casi, però, il paziente potrebbe non avere alcun beneficio in seguito alla cura. Dunque, è necessario un trattamento a base antibiotica a basso dosaggio che permette di tenere a bada i sintomi.

pene prostata

Nei casi più gravi, potrebbe essere utile l’intervento chirurgico. Nel caso in cui il paziente presenti dolore pelvico, non è necessaria la terapia antibiotica, perché il più delle volte il tipo di prostatite è di difficile diagnosi. Infatti, in determinati casi il medico potrebbe avere difficoltà a capire se si tratta di una prostatite batterica o non batterica, e per tal motivo gli antibiotici potrebbero oscurare la causa, e di conseguenza la diagnosi.

In determinati soggetti, inoltre, la terapia antibiotica potrebbe essere la giusta soluzione, soprattutto allo scomparire dei sintomi. La gran parte dei medici, inoltre, a seconda della sintomatologia prescrive al paziente degli alfa-bloccanti che favoriscono il rilassamento muscolare della prostata e della vescica, alleggerendo in questo modo i sintomi dolorosi.

Categories: Salute dell'Uomo

Write a Comment

Your e-mail address will not be published.
Required fields are marked*