Cos’è il Bipolarismo?

Bipolarismo
Sale
Il disturbo bipolare. L'approccio del trattamento centrato sulla...
  • David J. Miklowitz
  • Editore: Giovanni Fioriti Editore
  • Copertina flessibile: 376 pagine
Sale
Il Disturbo Bipolare
  • Editore: Springer
  • Edizione n. 2008 (06/30/2008)
  • Copertina flessibile: 192 pagine
Sale
Curare il disturbo bipolare. Manuale clinico della terapia...
  • Ellen Frank
  • Editore: Alpes Italia
  • Copertina flessibile: 248 pagine

Il bipolarismo o disturbo bipolare è un particolare tipo di patologia mentale che affligge indifferentemente uomini e donne di qualsiasi età.

Il bipolarismo o disturbo bipolare è l’alterazione sospetta e repentina dell’umore di una persona così come delle sue capacità cognitive e mentali. 

Si tratta di un disturbo chiamato anche psicosi maniaco depressiva e fa riferimento all’instabilità dell’umore delle persone che ne sono afflitte. 

Bipolarismo Significato

Il bipolarismo crea sbalzi umorali senza che essi siano legati per forza a ciò che succede nell’ambiente circostante.

 Per questo è molto difficile da inquadrare e non tutte le persone che ne sono afflitte riescono a capire che hanno bisogno di aiuto. 

Il problema risiede proprio nel fatto che gli episodi di bipolarismo sono difficili da inquadrare non solo per il soggetto ma anche per chi gli sta accanto. 

L’alternanza tra stadi depressivi e maniacali non è sempre consecutiva e può anche verificarsi in maniera sporadica. 

Inoltre se lo stadio maniacale è più facile da inquadrare perché consiste in una serie di atteggiamenti eccessivi rispetto alle norme sociali vigenti. 

Lo stadio depressivo, nelle sue varie fasi, è spesso scambiato per malinconia e tristezza passeggera e ancora oggi trova un minor riconoscimento tra le persone. 

Questa distinzione serve a comprendere se il disturbo sia di tipo 1 o di tipo 2 con le caratteristiche che ti spieghiamo qui sotto. 

L’alterazione dell’umore può essere molto intensa, per cui si parla di mania.

Quando è più lieve siamo dinanzi a quella che viene definita ipomania

Se il disturbo bipolare è costituito da comportamenti depressivi e da mania siamo dinanzi al tipo 1. 

Quando invece il disturbo associa depressione e ipomania il disturbo bipolare è di tipo 2.

Schizofrenia Bipolarismo

Il sistema limbico del bipolare, molto sinteticamente, non è in grado di offrire stimoli cerebrali coerenti con ciò che accade attorno al soggetto e lo spinge a ansia, irritabilità, depressione alternata a eccessi comportamentali impulsivi e evidenti. 

La difficoltà ad inquadrare questo tipo di disturbo risiede nel fatto che tutti siamo più o meno soggetti ai cosiddetti “alti e bassi” in periodi un po’ più stressanti. 

Sale
Manuale di psicoeducazione per il disturbo bipolare
  • Francesc Colom, Eduard Vieta
  • Editore: Giovanni Fioriti Editore
  • Copertina flessibile: 212 pagine
Sale
Il disturbo bipolare. Una guida per la sopravvivenza
  • David J. Miklowitz
  • Editore: Giovanni Fioriti Editore
  • Copertina flessibile: 350 pagine

Il soggetto bipolare, tuttavia, compromette le sue relazioni e la sua vita proprio a causa di questi sbalzi causati dal malfunzionamento del sistema limbico. 

Di solito chi soffre di bipolarismo ha grossi problemi relazionali, problemi sul lavoro o sugli ambienti che solitamente frequenta. 

Per questo nella diagnosi si possono verificare errori di valutazione della patologia come shizofrenia dato che ha alcuni sintomi in comune con il bipolarismo. 

Bipolarismo Sintomi

Il soggetto affetto da bipolarismo manifesta stati depressivi, ansia, rallentamento, rassegnazione, eccesso di sonno o insonnia, idee di morte e suicidio, inappetenza, disinteresse e scarso desiderio sessuale. 

A questi stati si alternano i sintomi maniacali che si manifestano in maniera piuttosto palese, quasi come fossero in eccesso. 

Difatti i soggetti tendono a mostrare un buon umore inusuale, eccessiva disinibizione, spese senza freni, infaticabilità, iper-attività, aggressività e atteggiamenti compulsivi che spesso degenerano a livello relazionale. 

Depressione Bipolare

Il disturbo bipolare si può curare tramite una terapia specialistica integrata che può durare anche tutta la vita perché si tratta di un problema che va sempre tenuto sotto controllo, anche se il soggetto manifesta segni visibili di guarigione. 

Il vero problema riguarda i casi in cui questa malattia non viene subito riconosciuta e le persone che ne sono affette vivono anche anni e anni di sofferenze prima di trovare il miglior trattamento. 

Sale
La depressione bipolare. Conoscere a affrontare il disturbo bipolare:...
  • Gianfranco Graus
  • Editore: Ist. Scienze Cognitive
  • Edizione n. 2 (10/01/2015)

Il bipolarismo è un disturbo che compare tra i venticinque e i trent’anni e che si manifesta leggermente più di frequente nelle donne. 

Il soggetto può venire a conoscenza del suo disturbo solo parlando con uno specialista con il supporto di un familiare. 

Questo serve a ricostruire meglio le situazioni maniacali o ipomaniacali che il soggetto omette molto di frequente per correggere i comportamenti. 

Al tempo stesso il professionista lavorerà con il soggetto con il fine di migliorare la gestione dello stress e delle situazioni complesse che causano la depressione

In questo modo si lavora contemporaneamente sulla depressione e sugli eccessi, cercando di ridurre e controllare le occasioni di integrazione tra le due fasi.

Oltre al rapporto con il terapista sono utilizzati dei farmaci per controllare il livello dell’umore e per aiutare il soggetto a restaurare le funzioni vitali come sonno, appetito e desiderio sessuale

Bipolarismo test

Il test del bipolarismo non è ufficiale e ne esistono parecchie versioni. 

Dato che la diagnosi passa soprattutto per l’analisi dello specialista possiamo dirti che qualsiasi test tu trovi online sarà solamente un piccolo questionario di autovalutazione

Sale
Il disturbo bipolare. Modelli e prassi terapeutiche...
  • Silvia Marinelli, Ivano Gagliardini
  • Editore: Anicia (Roma)
  • Copertina flessibile: 215 pagine

Per una vera diagnosi bisogna per forza parlare con lo specialista. 

Il test è sicuramente un buon metodo per compiere il primo passo ma non dice molto del soggetto specifico ed è un grosso difetto dato che clinicamente ogni caso è una storia medica a parte. 

Consiste in un numero variabile di domande sulla tua vita come “Ti senti spesso giocherellone?” e “Ti senti più attivo del solito?” a cui rispondere con una scala di valori da mai a sempre, passando per il poco e per l’abbastanza

Del bipolarismo sappiamo che esso ha origini biologiche ereditarie

La scienza oggi ha aggiunto anche che il contesto sociale circostante è anch’esso legato alle cause. 

Per questo è sempre necessario parlare con un medico e accertare i sintomi con accuratezza.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.