Home | Salute | Malattie | Sindrome di Cushing
Sindrome di Cushing
Sindrome di Cushing

Sindrome di Cushing

Sindrome di Cushing- La differenza tra malattia e sindrome ad una prima e superficiale considerazione può sembrare una differenza puramente accademica, si tratta sempre di una condizione patologica che provoca problemi a chi ne è colpito e a livello pratico, per il paziente è davvero così ma a livello medico la differenza è piuttosto sostanziale: la malattia è riferibile ad una causa specifica, descritta precisamente e verso la quale vi possono essere rimedi specifici; la sindrome è un insieme di sintomi e segnali di anomalia che possono avere più cause diverse che richiedono, quindi, approcci diversi. Oggi trattiamo la Sindrome di Cushing.

Sintomi della Sindrome di Cushing

Nella Sindrome di Cushing si assiste alla presenza di un tumore a livello dell’ipofisi, una piccola ghiandola situata alla base del cervello. Questo provoca una produzione eccessiva di un ormone, l’ACTH che, agendo sulle ghiandole surrenali, le spinge a produrre a loro volta quantità eccessive di glucocorticoidi.

La Malattia di Cushing, invece, è una patologia endogena sostenuta da un adenoma pituitario che provoca poi le stesse anomalie della Sindrome. I sintomi della Sindrome di Cushing sono:

  • rigonfiamento del viso (facies lunare)
  • obesità caratteristica dell’obesità maschile, localizzata soprattutto all’addome
  • rossori localizzati agli arti e all’addome
  • pelle fragile e sottile
  • macchie purpuree causate dalla rottura di vasi sanguigni che risultano a loro volta indeboliti
  • perdita di massa muscolare
  • osteoporosi
  • ipertensione
  • disturbi sessuali e comportamentali
  • depressione

Spesso la pelle si presenta più scura del normale per un’eccessiva stimolazione dei melanociti.

Diagnosi Sindrome di Cushing

Al fine di porre la corretta diagnosi della sindrome di Cushing, occorre che il medico constati la presenza del quadro clinico descritto ma che deve essere confermato da esami specifici come il dosaggio dell’ormone ACTH, del cortisolo e del glucocorticoide.

Qualora il dosaggio dell’ACTH sia incrementato oltre i livelli normali si tratterà di Sindrome di Cushing, al contrario la diagnosi dovrà orientarsi verso la presenza di un tumore dei surreni. A conferma della diagnosi di Sindrome di Cushing si effettuerà una TAC o una Risonanza Magnetica del cranio.

Cura Sindrome di Cushing

Se la causa della Sindrome di Cushing è un tumore dell’ipofisi, la cura consiste primariamente in un intervento chirurgico per la sua rimozione. Tale intervento può frequentemente essere preceduto o seguito dalla radioterapia.

I pazienti affetti da tale Sindrome devono anche assumere farmaci per ridurre la produzione di cortisolo mentre in caso di radioterapia, si dovranno assumere anche per molti anni dei farmaci sostitutivi degli ormoni che non sono più prodotti dall’ipofisi.

Altre cause della Sindrome di Cushing

Vi sono malattie che causano la stessa sintomatologia della Sindrome di Cushing per cui il medico, senza analisi di conforto, potrebbe essere indotto in errore nella diagnosi.

In particolare alcuni tipi di tumore sono in grado di produrre l’ormone ACTH come alcuni tumori polmonari, l’adenoma surrenale e altri.

Per questo motivo è bene che il medico non emetta la diagnosi prima di avere in mano analisi e TAC o Risonanza Magnetica a conferma che non si tratti di altre patologie che possono essere ingannevoli e che richiedono approcci terapeutici radicalmente diversi.

Hai trovato utile questo articolo? Commentalo subito e seguici su Facebook.

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.