Tumori del Sangue e Cura Senza Chemioterapia

Tumori del Sangue e Cura Senza Chemioterapia

Tumori del Sangue e Cura Senza Chemioterapia – La malignità ematologica è spesso presentata come un tumore del sangue. È un cancro che si sviluppa dalle cellule del sangue.

Leucemie, mielomi e linfomi, sono tipi di tumori maligni ematologici. Hanno caratteristiche e sintomi diversi. Anche il trattamento del cancro del sangue può essere diverso in ogni caso.

Diversi trattamenti possono essere considerati a seconda del tipo di tumore maligno e delle condizioni del paziente. Ad esempio, la gestione di un’emopatia maligna può essere basata su:

  • chemioterapia, un trattamento chimico che mira a distruggere le cellule tumorali;
  • radioterapia, che utilizza raggi o particelle ad alta energia per distruggere le cellule tumorali;
  • terapia mirata, che attacca vulnerabilità specifiche nelle cellule tumorali;
  • trapianto di cellule staminali, che comporta un’iniezione di cellule staminali del sangue che possono provenire da un donatore o dal paziente stesso (autoinnesto).

Analisi del Sangue e Tumori

Tumori del Sangue e Cura Senza Chemioterapia – Sono presenti decine di sottotipi diversi di neoplasie ematologiche le quali appartengono a tre grandi macro-gruppi: leucemie, linfomi e mielomi. Le neoplasie ematologiche possono manifestarsi in forma acuta (più aggressiva) o cronica. Sono forme tumorali che attaccano il midollo osseo, la cui funzione è di produrre le cellule ematiche principali, ovvero globuli bianchi, globuli rossi e piastrine

Sono stati identificati diversi fattori di rischio tra i quali:

  • storia familiare di tumore del sangue;
  • alcune infezioni virali;
  • problemi di sangue, comprese sindromi mielodisplastiche (malattie del midollo osseo);
  • radiazioni ionizzanti;
  • prodotti tossici;
  • tabacco.

La diagnosi delle emopatie maligne si basa su un esame clinico, che può quindi essere integrato da:

  • un esame del sangue per rilevare anomalie legate al cancro del sangue;
  • esame delle urine che può anche aiutare a identificare alcune anomalie;
  • test di imaging medico come radiografia, scanner, risonanza magnetica (MRI), o tomografia ad emissione di positroni;
  • una biopsia del midollo osseo, un esame che consiste nel prelevare un campione di midollo osseo.

E’ bene informare il proprio medico curante quando si è in presenza di: febbre o febbriciattola, accompagnata da un senso di debolezza, dovuta a cause sconosciute per più di due settimane; ma anche dolori alle ossa o alle articolazioni che non regrediscono; un dimagrimento ingiustificato con perdita di appetito; o la comparsa spontanea di ematomi o lividi; ulcere che non guariscono (anche del cavo orale); gonfiori ai linfonodi del collo, ascellari o inguinali.

In alcuni casi possono manifestarsi sintomi come una sudorazione eccessiva, soprattutto di notte e un prurito su tutto il corpo. Le emopatie maligne rappresentano in media il 10% dei nuovi casi di cancro. Possono verificarsi a qualsiasi età negli uomini e nelle donne. Tuttavia, sembra essere più comune negli uomini di età superiore ai 60 anni.

Tumori del Sangue Sintomi Tumori del Sangue Cura Senza Chemioterapia

Tumori del Sangue e Cura Senza Chemioterapia – Sfortunatamente è difficile avere una diagnosi precoce di un tumore del sangue. I primi segnali sono piuttosto vaghi e poco indicativi, infatti non è raro che si presentino con sintomi simili a quelli di una brutta influenza.

Solo in Italia sono circa 32 mila le persone si ammalano di un tumore del sangue, tuttavia grazie ai progressi fatti, il 40 % per cento può sperare nella guarigione.

Durante il Congresso Americano di Ematologia (ASH), da poco terminato a Orlando (Florida), alcuni studi hanno messo in luce nuove soluzioni terapeutiche, che si presentano più efficienti nella cura di alcuni tumori del sangue. Fabrizio Pane, presidente della Società Italiana di Ematologia ha affermato:

“Molte di quelle che una volta erano considerate malattie mortali sono catalogate oggi tra le patologie croniche. Le novità positive non riguardano unicamente i tassi di sopravvivenza dei pazienti, ma anche la loro qualità di vita. Noi medici non dobbiamo scegliere solo la migliore terapia possibile, ma migliorare le condizioni di vita dei pazienti e delle loro famiglie”.

Grazie allo sviluppo di cure biologiche associate a terapie mirate che colpiscono il meccanismo biologico della cellula, in campo medico si vivono periodi di notevoli cambiamenti.

Come ha illustrato il prof. Francesco Di Raimondo, direttore di Ematologia al Policlinico di Catania, in Sicilia è disponibile la combinazione di due prodoti: venetoclax e rituximab. Si tratta di una nuova classe di farmaci, un nuovo trattamento senza chemioterapia rimborsata dalla Regione, per chi soffre di leucemia linfatica cronica, colpisce midollo osseo, sangue e strutture linfatiche.

Malattie del Sangue

La medicina che studia le malattie del sangue è chiamata ematologia. Sono presenti diversi tipi di malattie ematologiche dovute ad alterazioni della quantità, qualità e quindi alla funzionalità delle cellule ematiche.

Anemia, leucemia, coagulazione…Sono molti i problemi di salute che riguardano il sangue.

Le malattie del sangue possono essere ereditarie o acquisite e possono comprendere:

  • Le anemie da carenza.
  • Anemie emolitiche.
  • Anemia a emazie falciformi (drepanocitosi)
  • Talassemia..
  • Leucemia.
  • Poliglobulia.
  • I Linfomi.
  • I Mielomi.
  • L’emofilia.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.